Una bella persona con un lato oscuro

Una bella persona con un lato oscuro

Io ho 38 anni, lui 42. Ci conosciamo da tanti, tantissimi anni, da quando ancora andavamo al liceo. C’è sempre stato un reciproco affetto, io ho frequentato per molti anni un suo caro amico, poi la vita ci ha portato a non vederci più.
L’anno scorso per caso lo rincontro. È stato subito un riaccendersi di quella simpatia ed affetto reciproco.
E lui ha sentito anche una attrazione fisica. È stato molto bello, talmente inaspettato e davvero entusiasmante.
Poi, già dopo due mesi, lui inizia ad avere dei ripensamenti sulla sua ex fidanzata, che aveva lasciato da
quasi un anno. E non ci vediamo più per un mese. Mi richiama, si scusa, dice che gli manco, gli manco io e non la sua ex, ma dopo un altro mese ricapita la medesima storia. Ed erano i primi giorni di agosto 2009.
No lo vedo e lo sento più. E mi accorgo che forse me ne ero proprio innamorata.
Una bella “testa”, una intelligenza viva, mille interessi. Molta attrazione fisica reciproca. Una bella persona con un lato oscuro: per una serie di circostanze, che lui non ha voluto/saputo gestire, ancora si trova ad essere studente universitario, mantenuto dai suoi, con cui vive, forse tra un
anno riuscirà a terminare i suoi studi. Per certi aspetti è davvero immaturo, e stridono molto la sua grande ambizione, il suo narcisismo e il suo sentirsi migliore degli altri con questa sua sconfitta totale sul piano lavorativo/professionale/sociale. Io sono indipendente, ho studiato, mi sono laureata nei tempi canonici, lavoro, e in questi mesi sono riuscita a comperarmi la mia casa. Lui no. E questo secondo me incide molto sulla sua personalità complessa.
A ottobre lui ritorna, ricominciamo a frequentarci; inizialmente in maniera molto attenta e prudente, da parte di entrambi. Però il rapporto pian piano va avanti, migliora, c’è sintonia su molte cose, parliamo per ore, stiamo davvero bene insieme. L’amicizia decennale non si è incrinata, anzi. Ci vediamo spessissimo anche da soli; fuori con gli amici non abbiamo atteggiamenti da coppia, siamo anche adulti, e non ci piace pubblicizzare una cosa privata.
Tutto fila liscio fino ad aprile di quest’anno. Lui dà uno degli ultimi esami all’università e viene bocciato. Entra in crisi. Capisco. Il suo scopo principale deve essere quello di portare a compimento questa sua odissea, io l’ho sempre sostenuto, e sento che forse io non sono stata di aiuto, avrei dovuto
impormi di più sul non vederci, non fare tardi. Anche se lui ha comunque 42 anni…
Da lì le cose cambiano. Una sera, a cena a casa di amici (che sanno della nostra frequentazione), arriva una ragazza nuova, una giovane donna 35enne con cui lui flirta tutta la sera, ignorandomi completamente. Da quel giorno di fine aprile io non l’ho più visto e sentito. Mi ha mandato il giorno dopo un sms dicendo che dovevamo parlare e poi si è dileguato. Non più un messaggio (rispetto alle decine che ci mandavamo), non più una mail (ci scrivevamo moltissimo). Adesso lui a tutti gli amici dice di essersi innamorato di questa ragazza, come travolto da un uragano. Lei è nelle stesse sue condizioni. Non lavora, non è riuscita nemmeno a diplomarsi, non ha mai lavorato, ha una famiglia che la mantiene, ed un ex compagno che le ha lasciato un appartamento.
Forse effettivamente si capiscono meglio loro due. Di tutta questa storia, e mi scuso per lo sfogo logorroico e prolisso, non riesco ad accettare la mancanza assoluta di rispetto che ha avuto nei miei confronti. E’ possibile che non si renda conto dell’atteggiamento immaturo che ha avuto? Io posso capire ed accettare che voglia stare con un’altra persona, purtroppo. Ma non posso accettare un comportamento così “piccolo” da una persona che era pure un caro amico. È difficile accettare il tradimento di un amico più che di un partner.

RISPOSTA:
Gentile amica,
ci sono comportamenti incomprensibili da parte di persone apparentemente (non per gli psicologi) incomprensibili.
Si feliciti per il fatto di averlo perduto, perché più avanti forse le conseguenze sarebbero state peggiori…
La vita è sua, chiuda la ferita al più presto e si cerchi un altro amore…

I commenti sono chiusi.

Sono un uomo di 43 anni sposato da 16. Mia Moglie..

Sono un uomo di 43 anni sposato da 16 . Mia moglie da circa 7 anni mi accusa di non avere abbastanza attenzione per lei e …

Ho 36 anni, sono separata da 3 anni e da 2 frequento…

Ho 36 anni, sono separata da 3 anni e da 2 frequento un uomo di 38 separato da 2 anni e con 2 figlie una di 10 e l’altra …

Ho 47 anni, conosco mia moglie da 30 anni (14 anni di …

Ho 47 anni, conosco mia moglie da 30 anni (14 anni di fidanzamento e 16 di matrimonio), abbiamo un bambino di 9 anni che …